Appuntamenti

Cari lettori,  

Maggio. La Storia insegna che epidemie ce ne sono sempre state. Eppur qualcosa si muove…
Un virus e il Mondo è nella Rete
E’ bastato un invisibile virus per diffondere nel Mondo un’ansia mai provata. Forse perché ci credevamo giganti onnipotenti. Invece il malefico nemico ci ha bruscamente risvegliati dal sogno. Siamo solo mammiferi, certo dotati di buon senso che potremmo anche usare alla bisogna, invece…
La Storia vorrebbe insegnarci tanto. Ma nel mondo dell’informazione “in streaming” per molti sa di muffa. E tutto corre talmente veloce che fermarsi a guardare indietro è considerato inutile se non ridicolo. Eppure…
Danni ben maggiori causavano Peste, Cholera morbus, tifo lebbra, febbre spagnola…E allora ci si difendeva con salassi, processioni religiose, maschrine fatte in casa, fedi di sanità o invocando la benevolenza dei Santi. Eppure fin qui ci siamo arrivati. E ora abbiamo scienza e tecnologia d’alto livello. Ma invece di utilizzare sprechiamo, di impiegare arraffiamo e il Pianeta prima o poi collasserà. Tutti contro l’inquinamento ma guai a toccare il Suvvone parcheggiato, sul marciapiede, sottocasa. Abbasso la Fame nel Mondo, ma il nostro spreco alimentare cosa vuoi che conti…C’è l’invito a stare a casa? Intanto andiamo a passeggiare in centro…
E così via. Vi siete accorti che già da qualche anno non ci sono più inverni? La Natura non perdona, occhio! Altro che Virus… Senza contare le conseguenze economiche, terribili.
Scrive Roberto Palumbo, ne LA GRANDE PAURA, che nel Seicento in Liguria morirono a migliaia. Di Peste. In un anno tra 1656 e il ’57, la Repubblica di Genova fu falcidiata: circa 75mila i decessi. 
Eppur si muove, diceva quello… Da metà mese circa si riapre, si riparte, insomma ricominciamo. Speriamo, però, non come prima…
Per ora, cari lettori, vi salutiamo cordialmente attendendo giorni diversi. 
Speriamo di vederci, presto, per scambiarci idee, critiche e opinioni…