TERRITORI, LETTERATURA e CULTURE dei LUOGHI

Le genti del Medioevo reggiano V

  • Autore:Brunetto Carboni
  • Formato: 15×21. Pag. 120. Ill. B/N.
  • Tiratura 200 copie. 2016.

12,00

Sinossi

E un viaggio fra Le genti del medioevo reggiano quello che Brunetto Carboni intraprende, tra fonti storiche e documenti d archivio, alla ricerca di vicende e protagonisti dei secoli passati. Lo fa in cinque tappe e altrettanti volumi.

Nel primo “Podestà, Capitani del Popolo e Signori”  l’autore studia le fonti che ci dimostrano come i nostri progenitori amministravano la città.

Nel secondo “Guido Ferrari Bagnoli e i parenti poveri” Carboni dedica le sue ricerche ad una figura importante per la storia dei secoli bui del medioevo.

Con “Opus Magnum” analizza, invece, in modo attento e puntuale l’opera letteraria di Nicola Tacoli e, in particolare, i cinque volumi sulla storia reggiana, che il letterato pubblicò nel corso del Settecento e che, oggi, servono ancora come fonte importante per conoscere l’epopea medievale.

Poi Inquisizione e Templari” in cui il Carboni si spinge a indagare questa parte di storia mondiale, in chiave reggiana, elencando i luoghi ove vigeva il Tribunale del Sant’Uffizio.

Infine, in “Terre di Reggio ed altro”, egli racconta l’influenza delle città emiliane e i legami che essa aveva con luoghi allora lontani dal suo comprensorio: da San Martino in Spino a Portofino nel Quattrocento; completa questo volume (e la piccola serie ) un glossarietto del latino medioevale-reggiano.